Follow on Bloglovin

LA FREGOLA UNDERWATER

Settembre è il mese delle possibilità. Stropicciarsi gli occhi la mattina presto, guardare la linea dell’orizzonte con i ricordi ancora salati, pensando alle cose da correggere. Quest’anno lavorerò meno, mangerò più frutta e verdura, farò l’abbonamento a teatro, imparerò a cucinare, frequenterò un corso di twerking, ammesso di capire cosa sia, ed entrerò in quel maledetto abito che da due anni pende nell’armadio. Magari cambierò vita. Convertendomi al buddismo, trasferendomi su Marte o frequentando un corso per realizzare gioielli antichi, anzi no, m’iscriverò di nuovo all’università: storia dell’arte, al liceo, era la mia materia preferita. Mastichiamo parole che si colorano di blu sotto la doccia e il cielo grigio di una Milano che si prepara all’inverno. Ci asciughiamo i capelli, un’occhiata ai minuti che lampeggiano sullo schermo dell’iphone, infiliamo i pantaloni giusti per andare in ufficio, il cuore gonfio di propositi che fluttuano sott’acqua, risalgono in superficie e piano piano si sgonfiano, come bolle d’ossigeno, alla fermata dell’autobus.

Bentornate, Fregole.

THE UNDERWATER FREGOLA

September is the month of possibilities. Rubbing your eyes early in the morning, staring at the horizon, your memories still salt flavoured, thinking of all the things you need to put right in your life. This year I’m going to work less, get my five a day, get a theatre pass, learn how to cook, sign up for a course in twerking, if I can actually work out what it means, and get back into that damn dress that’s been hanging in the closet for two years. Maybe I’ll get a new life. Convert to Buddhism, move to Mars, or do a course in antique jewellery making. Come to think of it no, I’ll go back to college: art history was my favourite subject at high school. We chew over words which turn blue in the shower and under the gray sky of a Milan that’s getting ready for winter. And as we blow dry our hair, keeping an eye on the minutes flashing on the screen of our iPhone, we pull on the right pants for the office, our heart full of resolutions that flutter under the water, rise to the surface, and then slowly deflate, like oxygen bubbles, at the bus stop.

Welcome back, Fregole.

video directed by Francesco Guerrera